Item Details

GIGLIO DEL SARTO 2017

MAESTRI DI FESTA: ANIELLO FRANZESE E FAMIGLIA – GIULIANO CECI E FAMIGLIA

PROGETTISTA ARCH. MAURIZIO BARBATO

link GIGLI IN PIAZZA VIDEONOLA vedi dal minuto 33

img-20161219-wa0005Il Veliero è un rivestimento allegorico che allude al rapporto tra futuro e passato, un diaframma che filtra il continuo divenire con l’esperienza .

Centrale in tal senso è il riferimento al nostro Santo Paolino ed al messaggio che Egli ci ha consegnato.
Si intende proporre all’osservatore una riflessione sull’approccio al nuovo senza prescindere dal passato.
Domina la scena il busto di Paolino che approda alla sua terra mentre, più in alto, nel punto di dissolvenza tra la vela e l’albero, si inserisce l’occhio visionario dell’architetto illuminista francese Claude Nicolas Ledoux che ha al suo interno riflessa l’immagine del teatro di Besançon in Francia. Il messaggio che Ledoux esprime,“vedere al futuro con lo sguardo rivolto al passato”, in particolare nel campo dell’architettura, rimanda alla necessità dell’esperienza nel concepimento del progetto.
L’occhio rappresenta altresì la prima cornice attraverso la quale viene visto il mondo e resta la cornice visiva di ogni singolo componente del pubblico. L’organo della visione media lo spazio limitato da quello illimitato. Esso è contemporaneamente specchio del mondo e camera oscura, rende l’individuo consapevole e gli consente di affrontare il futuro.
L’allegoria rimanda anche alla tradizione della nostra festa che vive senza soluzione di continuità uno spettacolo in cui ogni anno il giglio stesso rappresenta il nuovo in un confronto imprescindibile con il passato.
Il rivestimento dell’obelisco è composto da una parte in cartapesta, allusione alle vele, che verso l’alto si dissolve sostituita da elementi lignei che rappresentano l’albero del veliero. La realizzazione dei tessuti delle vele sono un riferimento alla corporazione del giglio del sarto. Il velaio infatti è colui che progetta, realizza e disegna le vele .
Egli progetta il taglio dei ferzi, sceglie il materiale, cuce le parti tra loro con un’opera di vera sartoria.
Al primo pezzo e riportato un simbolo del sarto, l’ago, in riferimento ad un’antica tradizione“…Un attributo che pende dal fregio della nicchia centrale, indica a quale arte
appartengono i vari obelischi ; sull’obelisco dei mietitori si vedeva una falce; su quello dei fornai due enormi ciambelle; …dei macellai un pezzo di carne;…i calzolai una scarpa, i
pizzicagnoli un formaggio ed i vinai avevano appesa una bottiglia…” (Gregorovius – Passeggiate in Campania).
La forma architettonica, invece, è un chiaro riferimento alla storia del Santo Paolino che ritorna alla sua terra su un’imbarcazione assieme ai prigionieri riscattati e accolto
dai fedeli nolani.

 

DSC_0067

DSC_0138

3

sarto 3

sarto 4

 

 

 

 

 

 

 

 

 


sarto 9SARTO 2SARTO 1sarto 7sarto 10


  • Client:
  • Skills: ,
  • Author Name: ARCH. MAURIZIO BARBATO
  • Author URI: www.mauriziobarbato.it
  • Release Date: gennaio 2017